In Italia si accelera sulla tecnologia: forte incremento di brevetti su robot, fotonica e biotecnologia

0
270

Dalle parole ai fatti il passo è breve. Da tempo la sensazione che robotica, fotonica e biotecnologia erano al primo posto delle priorità di molte aziende italiane. Ora c’è la certificazione. I numeri parlano chiaro e vanno tutti in questa direzione.

robotica 20220108 cmag
In Italia aumentano i brevetti sulla robotica – Adobe Stock

Un brevetto italiano su cinque fra quelli pubblicati dallo European Patent Office si riferisce alle sei Key Enabling Technologies (biotech, fotonica, materiali avanzati, nano e micro–elettronica, nanotecnologie e manifattura avanzata), che la Commissione europea ha definito abilitanti a tutti gli effetti. Lo dice un report di Unioncamere, l’Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Unioncamere Dintec, un consorzio per l’innovazione tecnologica ha incrociato i dati dei brevetti italiani pubblicati annualmente in Europa, analizzando un maggiore dettaglio sul loro ambito di applicazione, e sulle loro origini territoriali. Ne è uscita fuori un’indagine molto interessante.

L’80% delle domande italiane di brevetto pubblicate in ambito europeo, arrivano dal Nord del Paese

Brevetto 20220108 cmag
Tra i brevetti richiesti, l’80% proviene dal Nord Italia – Adobe Stock

In Italia le idee innovative non mancano affatto. Rispetto alle domande del 2020, siamo arrivati a quota 670 pubblicate dall’European Patent Office, una crescita netta, data da cinquantatre domande di brevetti in più.

I dati di Unioncamere–Dintec evidenziano un aumento di domande, identificato in 4.465 made in Italy, pubblicate dallo European Patent Office nel 2020, pari al 5,3% in più rispetto all’anno precedente. In poco più di un decennio siamo a circa 52 mila, con una netta prevalenza di un certo tipo di Italia, quella settentrionale, capace di svilupparne quasi l’80%.

Il primato in assoluto all’interno del Nord Italia va scritto alla Lombardia, con un aumento di 124, bene anche il Piemonte (+85), Veneto (+22) e Friuli Venezia Giulia (+18). In calo Emilia Romagna e Toscana, che segnano un segno differenziale negativo: una di -38, l’altra di -34. Positivo il Lazio (+25), bene anche la Campania, che passa da 64 a 75, con un aumento di undici.

LEGGI ANCHE >>> SpaceX è la prima compagnia a compiere un lancio nello Spazio nel 2022, e lo fa con 49 nuovi satelliti StarLink

Tornando al generale, la crescita maggiore che rappresenta il fiore all’occhiello di un intero Paese riguardano soprattutto alcuni settori: +53% per le innovazioni riguardanti i prodotti tessili e la carta (passati da 75 a 114) e +10%, appunto, per le “necessità umane” (935 i brevetti pubblicati nel 2019, 1.033 quelli del 2020).

LEGGI ANCHE >>> Wi-Fi 6 Release 2 cambia la capacità di upload in Wi-Fi: d’ora in poi sarà tutto più veloce

I dati sui brevetti italiani in Europa dimostrano che il nostro Paese ha una capacità di innovazione importante sia nei settori ad alta intensità di conoscenza sia in quelli tipici dell’Italian style”. Parola di Andrea Prete, Presidente di Unioncamere, sulle colonne dell’autorevole Sole 24. D’altronde, italians do it better.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here