Questo wearable inaspettato è un sensore che rileva l’ossigeno nel sangue a livello medico, ed è Apple

0
149

Il miglior smartwatch di Apple ha una funzione talmente assurda da poter mettere a paragone le conoscenze di questo dispositivo con un medico. Una frase del genere è chiaro che sconvolga tutti noi, ma ci sono delle prove che accerterebbero quello che stiamo dicendo.

Questo wearable inaspettato è un sensore che rileva l'ossigeno nel sangue a livello medico, ed è Apple
E’ difficile non credere a dei risultati così tanto validi – Computermagazine.it

Un orologio smart utile quanto un medico

Una ricerca pubblicata questo mese ha messo alla prova il sensore di ossigeno nel sangue dell’Apple Watch, e in base ai risultati ottenuti l’Apple Watch Series 6 è in grado di “rilevare in modo affidabile stati di ridotta saturazione di ossigeno nel sangue”, forse molto meglio rispetto agli ossimetri a impulsi di livello medico. Ma su cosa si basava questa ricerca?

Tende a porre un obiettivo preciso, cioè di capire quanto è affidabile il sensore di ossigeno nel sangue dell’Apple Watch. Come è stato notato da MyHealthyApple, lo studio è stato pubblicato questo mese sulla rivista Digital Health. Lo scopo secondario era quello di indagare su “come uno smartwatch disponibile in commercio che misura la saturazione di ossigeno nel sangue periferico (SpO2) può rilevare l’ipossiemia rispetto a un pulsossimetro di grado medico”.

Per via di questa ricerca gli esperti hanno pensato di prendere in causa ben 24 partecipanti in salute, con ogni persona che indossava un Apple Watch Series 6 al polso sinistro e un sensore di pulsossimetro sul dito medio sinistro, cioè il Masimo Radical-7. I “pazienti” hanno respirato tramite un circuito respiratorio con una valvola non-respirante a tre vie in tre fasi.

I risultati dell’esperimento sono incredibili

Questo wearable inaspettato è un sensore che rileva l'ossigeno nel sangue a livello medico, ed è Apple
Le analisi potrebbero essere fatte meglio di un medico ora – Computermagazine.it

In primis, ovvero nella fase di stabilizzazione iniziale di 2 minuti, i partecipanti hanno inalato l’aria presente nell’ambiente. In seguito, cioè nella parte di desaturazione di 5 minuti, le persone hanno respirato la miscela di gas a ridotto di ossigeno (12% O2), che ha ridotto la saturazione di ossigeno nel sangue.

E nella fase di stabilizzazione finale, i partecipanti hanno inalato di nuovo l’aria ambientale fino a quando lo SpO2 non è tornato ai valori normali. Le misurazioni di SpO2 sono state riprese dallo smartwatch e dall’ossimetro a impulsi in contemporanea a intervalli di 30 secondi. Il bias in SpO2 tra lo smartwatch e l’ossimetro era dello 0,0% per tutti i punti dati, mentre quello per SpO2 inferiore al 90% era dell’1,2%.

Le diversità nelle singole misurazioni tra lo smartwatch e l’ossimetro entro il 6% SpO2 possono essere attese per le letture SpO2 del 90%-100% e fino all’8% per le letture SpO2 inferiori al 90%. Parliamo indubbiamente dell’introduzione del supporto per la misurazione dell’ossigeno nel sangue all’Apple Watch Series 6.

🔴 Fonte: www.macitynet.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here