Galaxy S20 in affitto su Grover: ecco i prezzi per averlo a tempo determinato

0
285

L’aggregator tedesco mette il Galaxy S20 in affitto a prezzi in linea con il modello a sottoscrizione. Si può tenere un solo mese, ma si può anche decidere di acquistarlo.

Il logo di Grover
Il logo di Grover (foto da https://www.grover.com/de-de)

Il Galaxy S20 sbarca su Grover. Il nuovo smartphone di casa Samsung sposa il modello a sottoscrizione, su cui è interamente basato il business model della scale-up berlinese e che si sta affermando sempre di più. I membri di questa community nata nel 2015 sono 700,000 e solo nel 2020 Grover ha aperto le porte a due nuovi mercati, Austria e Olanda.

Chi vorrà affittare l’S20 invece che comprarlo, dunque, sarà reindirizzato dal Samsung Store al sito di Grover. Il modello è piuttosto flessibile e prevede quattro periodi di sottoscrizione: uno, tre, sei o dodici mesi. La rata mensile si abbassa ovviamente man mano che la sottoscrizione viene estesa. Ma il prodotto di punta degli smartphone Samsung è in buona compagnia, visto che sono ben 2000 gli articoli hi-tech disponibili su sottoscrizione su Grover.

S20 in affitto anche per un solo mese a prezzi decisamente interessanti

Galaxy S20
Galaxy-S20 (foto da news.samsung.com)

Non c’è che dire, i prezzi sono decisamente interessanti. Il Galaxy S20 FE con 128 GB di spazio può essere affittato a partire da 29,90 al mese in caso di sottoscrizione annuale. Se si ha accesso a un contratto telefonico forfettario, la spesa per un telefono del genere diventa più che ragionevole. La rata mensile per la versione standard, invece, ammonta a 99,90 euro per un mese, 69,90 per tre mesi, 59,90 per sei e 49,90 per un anno.

Il modello a sottoscrizione di Grover è una scelta in pieno spirito “circular economy”. Il marchio tedesco punta sulla sostenibilità e garantisce che i suoi prodotti rientrano in circolo anche per quattro o cinque volte, ma solo se risultano “as good as new”, come nuovi. Certi numeri andrebbero letti alla luce di un contesto molto più dettagliato, comunque il servizio offerto resta intrigante: Grover copre il 90% dei costi di riparazione, e alla fine del periodo di sottoscrizione si ha sempre la possibilità di estendere l’accordo, comprare l’articolo o passare a un altro.

Proprio come un abbonamento a Netflix, Amazon Prime o ad Adobe. O un leasing sull’automobile, se preferite. I consumatori che vogliono possedere le ultime novità del mercato tecnologico o che magari intendono semplicemente provarle, possono aprire una membership con l’azienda tedesca e comprare un prodotto “in abbonamento”. L’idea di un sistema di distribuzione meno rigido rispetto a quello tradizionale – cioè basato sull’acquisto – potrebbe affermarsi come un’alternativa vincente anche nel settore dell’hi-tech. Basti pensare a tutti gli appassionati di tecnologia che spesso lasciano prodotti ancora nel pieno del loro ciclo vitale solo per il desiderio di possedere l’ultima uscita. O a tutti quelli che devono aggiornarsi per necessità.

LEGGI ANCHE->

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here