Cashback di Natale un successo: ecco i primi dati dell’iniziativa

0
442
L’app Io per aderire al Cashback, il programma che consentirà di ottenere un rimborso sugli acquisti effettuati con carte, bancomat e app di pagamento (Roma – 2020-12-07, Vincenzo Livieri / IPA) p.s. la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e’ stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

I primi dati parziali relativi al Cashback di Natale sono decisamente positivi. Stando ad un’analisi effettuata dall’applicazione Satispay, una delle app utilizzabili per ottenere il rimborso, nel mese di dicembre la spesa media è aumentata del 50%, mentre il numero dei pagamenti digitali è cresciuto del 18%. I dati si riferiscono al periodo fra l’8 e il 21 dicembre di quest’anno, in cui sono stati 1.4 milioni gli utenti che hanno speso di più rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019. Un dato senza dubbio molto interessante, tenendo conto del periodo di gravissima crisi economica che stiamo vivendo causa covid. In totale sono stati registrati più di 22 milioni di pagamenti, per un rimborso di circa 37 milioni di euro: “In un periodo così difficile – dice a SkyTg24.it Valeria Portale, direttrice dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano – questa è un’iniziativa che sta stimolando i consumi e sta spingendo a tirar fuori la carta invece del contante”. Altro aspetto lodevole dell’iniziativa, la lotta all’evasione.

11/12/2020 – Cosenza – Cashback, partito il programma del governo italiano per incentivare il pagamento elettronico. (cosenza – 2020-12-11, Francesco Mollo) p.s. la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui è stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

LEGGI ANCHE Cashback di stato e acquisti online: possibili solo in un caso…

IL CASHBACK DI NATALE E’ UN SUCCESSO: OBIETTIVO, FRONTEGGIARE ANCHE L’EVASIONE

Sempre Valeria Portale ricorda come lo Stato perda ogni anno 24 miliardi di euro, “anche solo eroderne una piccola quota grazie a questa iniziativa – ha aggiunto – con il fatto che molta più gente pagherà con la carta e molti più esercenti dichiareranno l’effettivo fatturato, porterebbe effetti sicuramente grandi e positivi”. Secondo un’analisi effettuata dalla Community Cashless Society Ambrosetti, il piano di Cashback dovrebbe portare alle casse dello stato un gettito in più pari a 4.5 miliardi di euro entro il 2025, sia grazie all’emersione del “sommerso”, sia per via dei pagamenti elettronici, stimati in 36.8 procapite in più. “La media europea è 140 – ha aggiunto ancora Portale – e i best performer ne fanno 300, e non credo che in un paio d’anni arriveremmo a quei livelli. Quest’iniziativa potrà essere efficace e persistente se sarà portata avanti in modo corretto nelle prossime annualità, ma sul tema dell’evasione fiscale, ci vuole molto di più, bisogna cambiare le abitudini degli italiani. È un problema culturale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here