WhatsApp e la bufala Vittorio da Bolzano: “Morti covid gonfiati per soldi”

0
645

C’è una nuova bufala che corre su WhatsApp e che riguarda, per l’ennesima volta, l’epidemia di covid. Come spesso e volentieri accaduto da ormai un anno a questa parte, su numerose chat sono iniziati a circolare dei messaggi vocali di presunti esperti e ben informati, che gridano allo scandalo.

WhatsApp, nuova bufala (Foto Repubblica)
WhatsApp, nuova bufala covid (Foto Repubblica)

In questo caso, come riportato dalla pagina Bufale.net, si fa riferimento ad un presunto “rigonfiamento” dei numeri dei morti causa covid, dietro un guadagno economico. Si tratta ovviamente di una tesi fake, sostenuta dai numerosi cospiratori del web e da coloro che pensano che la pandemia di covid sia un grande complotto architettato dai “potenti” del mondo per metterci il bavaglio. Fatto sta che l’audio incriminato è quello di un fantomatico “Vittorio Da Bolzano”, che se ascoltato ci spiegherà: “Ciao a tutti, chiedo cortesemente di condividere questo audio… il più possibile..eeee… sono V. di Bolzano, oggi è Domenica 21 di Febbraio 2021… mi chiama poco fa un amico e mi dice… devo raccontarti una notizia che ha dello sconvolgente. Considerate che a Bolzano siamo in zona Rosso Scura, non possiamo uscire dal Comune… di residenza, i negozi sono chiusi, bar ristoranti… un disastro. Perché i numeri sono altri”.

Logo WhatsApp (Foto ufficiale)
Il logo WhatsApp (Foto ufficiale)

BUFALA WHATSAAP VITTORIO DA BOLZANO: “1.700 EURO SE…”

POTREBBE INTERESSARTIWhatsApp, ecco cosa accadrà al tuo account se non accetterai i cambiamenti privacy

Ed eccoci arrivati al nocciolo della questione: “Allora mi dice… “guarda questa notte è morta la suocera di un nostro conoscente, una persona che io e lui conosciamo, da tempo, è morta di infarto, stava fondamentalmente bene a quanto ho capito… quando è arrivato il personale sanitario han chiesto ai parenti se potevano indicare nel referto medico che la donna è morta di COVID.” I parenti rimangono sbalorditi e dicono “E perché questa cosa qua, e perché dobbiamo dichiarare il falso”. E i sanitari rispondono “E perché se dichiariamo questa cosa qua che è morta di COVID riceviamo 1700 euro al posto dei 400 previsti per una morte normale””. Boom, sganciata la super bufala.

POTREBBE INTERESSARTI WhatsApp e la “bufala Esselunga”: la nota ufficiale di smentita

L’audio circolante su WhatsApp aggiunge e conclude: “Ecco, questo probabilmente accadrà per tutte le morti che avvengono in Italia, ed è ovvio che così i numeri si gonfiano naturalmente, le statistiche si sballano e noi ci troviamo a rimanere chiusi in casa, non poter lavorare, non poter trovarci una sciata, a trovare amici e parenti perché i numeri sono stati gonfiati per ragioni economiche. Mi raccomando fate girare questo audio è importantissimo”. Ovviamente solamente a leggerla fa venire un sacco di dubbi, e sembrerebbe il classico siparietto comico “L’amico di mio cugino, della sorella del fratello di mia zia, che conosce una persona che lavora con suo cognato, mi ha detto che…”. Un lungo discorso che basta e avanza per bollare la notizia come Fake news, come hanno fatto appunto i sempre attenti amici di Bufale.net. Ovviamente il nostro consiglio è sempre lo stesso: mai fidarsi di messaggi, che siano di testo o vocali, ricevuti su WhatsApp, ma affidatevi sempre a fonti ufficiali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here