Royole, che innovazione: ecco il primo display micro-LED

0
176

Un po’ per evoluzione, un po’ per moda, un po’ per seguire le orme di Samsung, la corsa allo smartphone pieghevole più innovativo e futuristico, prosegue. Ora è il turno di Royole provare a spingersi. Il produttore cinese di display e sensori flessibili, che possono essere utilizzati in una gamma di prodotti di interfaccia uomo-macchina, inclusi smartphone pieghevoli e altri dispositivi intelligenti, annuncia un display micro-LED flessibile e modellabile.

Micro LED (Adobe Stock)
Micro LED (Adobe Stock)

Royole, infatti, sta estendendo i limiti della tecnologia di visualizzazione flessibile introducendo uno schermo che non solo può essere piegato, ma anche allungato. Per ora è solo un progetto di ricerca, ma il lancio del prototipo lascia presagire che c’è qualcosa di molto più concreto. Anche perché è stato lo stesso colosso cinese ad affermare che i display estensibili potrebbero essere utilizzati in “un mondo di nuovi fattori di forma che richiedono qualità elastiche”, inclusi dispositivi per la salute e il fitness, lo sport o il trasporto.

Royole, il rilancio di Bill Liu: “Un segnale della crescita esponenziale del settore dell’elettronica flessibile”

Display Oled (Adobe Stock)
Display Oled (Adobe Stock)

Il prototipo di display estensibile di Royole, presentato in occasione dell’edizione 2021 del Display Week Symposium, è un pannello display micro LED da 2,7 pollici, 96 x 60 pixel, che può essere piegato e attorcigliato in vari modi. L’azienda afferma che può essere utilizzato in forme sferiche per globi o mappe, integrato in abiti e tessuti intelligenti, oppure utilizzato in soluzioni OLED trasparenti: display a testa in su, nei parabrezza delle auto, o negli occhiali da sole.

LEGGI ANCHE >>> Xiaomi è stata rimossa dalla lista nera degli Stati Uniti

Il display “è in grado di estendersi al 130%” ma ci sono dei limiti alla visione futuristica del produttore di Shenzen: si può piegare solo con un angolo convesso, fino a 40 gradi.

LEGGI ANCHE >>> Amazon, accuse di monopolio anche negli USA: “Prezzi illegali”

Royole afferma di aver scelto i micro LED per il suo nuovo display estensibile perché “il rapporto di apertura ultra-basso e il semplice incapsulamento, forniscono spazio sufficiente per i modelli estensibili” molto più difficili e complessi da ottenere sia con i display AMOLED sia LED.

Non si sa se o quando questi display estensibili verranno portati nei dispositivi di tutto il mondo, se sarà possibile acquistarli, né se esisteranno tecnologie simili. Già, Royole è il primo produttore a portare sul mercato una nuova tecnologia di visualizzazione e potrebbe fare anche proseliti: l’azienda ha lanciato il primo smartphone con un display AMOLED flessibile e pieghevole alcuni anni fa, ma semplicemente non era un buon smartphone pieghevole. Da qui il rilancio.

Lo sviluppo di una tecnologia display estensibile, compatibile con i processi di produzione esistenti, è un segnale della crescita esponenziale che sta vivendo il settore dell’elettronica flessibile”. Così Bill Liu, fondatore, nonché presidente e CEO di Royole: “Royole continua ad essere capofila nell’innovazione flessibile con tecnologie estensibili – sottolinea – che segnano la prossima frontiera del progresso tecnico che consentiranno applicazioni e form factor inediti nelle applicazioni di realtà virtuale e aumentata, nell’elettronica indossabile, nelle applicazioni biomediche e nella progettazione di veicoli“.

Royole è stata fondata da laureati in ingegneria a Stanford, tra cui l’attuale fondatore, nel 2012. L’azienda cinese, sostenuta da investitori tra cui IDG Capital, AMTD Group e Knight Capital, produce display completamente flessibili in volume dal suo campus di produzione di massa quasi G6 di 4,5 milioni di piedi quadrati a Shenzhen, in Cina. Ha uffici anche in California e a Hong Kong.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here