Robotaxi targato Hundai in arrivo tra pochissimo: il marchio coreano sposta Motion e ci porta nel futuro

0
269

Chissà cosa ne penseranno i taxisti, le varie associazioni italiane, i sindacati del Belpaese. Hyundai è in arrivo con un robotaxi che testimonia la nuova politica di sviluppo verso una guida completamente autonoma. Almeno negli Stai Uniti sta attecchendo enormemente.

Il robotaxi made in Hyundai-Motional (Motional)
Il robotaxi made in Hyundai-Motional (Motional)

A riguardo, Motional ha rivelato le prime immagini del suo robotaxi pianificato, un SUV Ioniq 5 completamente elettrico di Hyundai, l’ammiraglia un servizio di guida senza conducente che l’azienda statunitense, nata quattro anni fa come joint venture tra la casa automobilistica coreana e il fornitore di auto Aptiv, vuole immettere sul mercato addirittura nel 2023, in concomitanza con l’uscita dell’applicazione Lyft, ad essa connessa.

Emissioni zero, elettrificazione e guida autonoma

L'interno di un Robotaxi made in Hyundai-Motional (Motional)
L’interno di un Robotaxi made in Hyundai-Motional (Motional)

“Per il robotaxi basato su IONIQ 5, abbiamo applicato diversi sistemi di ridondanza, oltre a una suite di tecnologie essenziali per garantire la sicurezza e la comodità dei passeggeri”. Così parlò Woongjun Jang, capo dell’Autonomous Driving Center di Hyundai Motor Group. Il veicolo appositamente costruito, che sarà assemblato da Hyundai, è integrato con la tecnologia del veicolo autonomo di Motional, inclusa una suite di oltre 30 sensori tra cui lidar, radar e telecamere che possono essere visti in tutto l’interno e l’esterno. Un sistema di rilevamento che fornisce una visione a 360 gradi e la capacità di vedere fino a 300 metri di distanza, almeno stando a quanto riferisce Motional. “Questo robotaxi rappresenta la visione di Motional di un futuro senza conducente che diventa realtà”. Rilancia Karl Iagnemma, presidente e CEO di Motional. “Attraverso la nostra partnership strategica con Hyundai Motor Group e Aptiv – sottolinea – abbiamo un’esperienza automobilistica e software senza pari in tutto il nostro processo di sviluppo dei veicoli. Ci concentriamo sulla commercializzazione di massa e il robotaxi IONIQ 5 è costruito per questo scopo”.

LEGGI ANCHE >>> Mediaworld lancia “back to school”, il nuovo volantino con lo stesso nome ma con tanti nuovi sconti

Motional non ha annunciato dove lancerà il suo primo servizio di robotaxi senza conducente. È probabile che sarà in una delle città in cui sta attualmente testando e convalidando la sua tecnologia, un elenco che include Boston, Las Vegas, Los Angeles e Pittsburgh. “Vediamo così tanti concorrenti che si fanno in quattro per cercare di nascondere questa suite di sensori e nasconderla in questi grandi involucri di plastica – continua Iagnemma, in un’intervista a TechCrunch – il fatto è che non puoi nascondere i sensori. Devono essere dove devono essere e sono una parte importante dell’auto e una parte fondamentale della tecnologia. Quindi la nostra strategia era quella di celebrare i sensori e adattare il linguaggio di progettazione del veicolo e portarlo attraverso il design della suite di sensori integrati”.

LEGGI ANCHE >>> Amazon crea Zoox, il primo robotaxi a guida autonoma e senza conducente

Emissioni zero, elettrificazione e guida autonoma: la tripla base su cui Motional ricerca l’altezza della situazione. Sistemi ridondati in ogni funzione, navigazione, sterzo, frenata e alimentazione, Motional promette di fornire anche l’Assistenza Veicolo Remoto (RVA) ai robotaxi, qualora dovessero incontrare uno scenario stradale insolito, come cantieri o un allagamento: un operatore Motional da remoto potrebbe connettersi istantaneamente al veicolo e indirizzarlo su un nuovo percorso. Negli Stati Uniti sta prendendo piede sempre più questo concetto. E in Italia, sarà lo stesso? Domandarselo è lecito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here