Green Pass, attento alle App che te lo leggono, potrebbero clonare i tuoi dati: ecco come tutelarsi

0
332

Massima attenzione alle app pirata. A parlare è il Garante della Privacy: “Trattano i dati personali in violazione delle disposizioni di legge”.

Il Garante della Privacy mette in guardia dalle app false di verifica del Green Pass – Computermagazine.it

Ancora al centro dell’attenzione il discorso del Green Pass, questa volta però non parliamo delle copie fake, in ballo c’è una situazione ancora più delicata e riguarda i nostri dati. A lanciare l’allarme è il garante della Privacy che ha affermato: “Diversi produttori e sviluppatori, anche di altri paesi, hanno messo a disposizione sugli store online app per la verifica del Green Pass che consentono a chi le scarica, inquadrando il QR code, di leggere dati personali come nome, cognome, data di nascita, perfino dosi o tamponi effettuati. In alcuni casi le app richiedono anche una registrazione per il download e trasferiscono i dati a terzi”. Quanto annunciato dal Garante della Privacy dovrebbe mettere tutti in guardia dai pirati informatici che potrebbero avere libero accesso a tutti i nostri dati sensibili.

LEGGI ANCHE: Green Pass nella tempesta, trovate le chiavi per generarli: ne esiste uno anche a nome di Hitler

L’indagine del Garante della Privacy

Le indagini proseguono alla ricerca di queste app non in regola che leggono e controllano il Green Pass. Bisognerà scartare quelle app che non sono autorizzate ed effettuare verifiche per evitare che i dati di molti italiani possano andare nelle mani sbagliate. L’unico modo, al momento, per tutelarsi è accertarsi che l’app che esegue la scansione del proprio Green Pass sia “Verifica C19“, rilasciata dal Ministero della Salute e unico strumento utilizzabile per garantire una buona copertura della privacy.

App Verifica C19, l’unica sicura, secondo il Garante della Privacy – Computermagazine.it

LEGGI ANCHE: Spende $57.000 per una carta Pokemon dal fondo per il Covid: ora sotto indagine per truffa

Come funziona l’app Verifica C19

Data la gravità della situazione, l’unica app che permette di tenere “al sicuro” i nostri dati è quella ufficiale lanciata dal Ministero della Salute. Per tutti coloro che hanno bisogno di scannerizzare il certificato verde, l’applicazione Verifica C19 è disponibile sia per Android che iOs. Il funzionamento è molto semplice e intuitivo: basta cliccare su “Scansiona il QR Code” e inquadrare il codice QR del Green Pass della persona che si desidera controllare. L’app effettuerà la verifica senza connettersi ad internet, verificando che la chiave del certificato verde sia valida. I risultati possibili della scansione variano a seconda della validità del Green Pass: Verde per un certificato valido in Europa, Azzurro valido solo in Italia e infine Rosso che rappresenta l’invalidità o un errore.

Con questi semplici accorgimenti possiamo tenere al sicuro i nostri dati. Nel frattempo, le indagini del Garante della Privacy continuano per cercare ed eliminare le app non in regola.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here