WeVoz, il nuovo incredibile Social per chi vuole usare solo messaggi vocali nelle sue chat

0
517

Nasce un nuovo social Made in Italy, si tratta di WeVoz. La community potrà interagire sulla piattaforma tramite la propria voce.

Il nuovo social dedicato interamente alla voce – Computermagazine.it

La nuova start up del social WeVoz è nata dall’incontro di giovani menti nella realtà siciliana a Termini Imerese. Questo nuovo social differisce dagli altri poiché, a differenza dei post, foto e quant’altro, è dedicato interamente alla voce. Ed è proprio il nome stesso dell’app a spiegarne l’utilizzo. Infatti, We (noi, comunità), si unisce a Voz (in lingua spagnola, voce). Tale piattaforma, arricchisce l’efficacia del testo con la comodità dell’audio. Ciò è in grado di offrire un’esperienza interattiva che possa unire tutta la comunità. WeVoz arriva in un momento di piena transizione dal testo all’audio.

“Il twitter della voce”

La community, nel nuovo social, può quindi interagire tramite i contenuti vocali di breve durata che scorrono nella timeline tramite un player automatico. Il sistema consente la riproduzione dei contenuti offrendo all’utente la possibilità di utilizzare questo social anche continuando a svolgere le altre attività, in quanto richiede, come canale principale, quello uditivo. WeVoz è una piattaforma “speech to text”, un modello che consente di trascrivere simultaneamente un messaggio audio. Ciò che differenzierebbe la piattaforma siciliana dalle altre, è l’inutilizzo dell’algoritmo che non ha, in questo caso, potere sulle scelte di post o contenuti da ascoltare. Non è l’algoritmo ad incidere sulla viralità di un contenuto. I protagonisti sono gli stessi utenti che premiano i vocali più apprezzati.

Comunicare senza restare attaccati al proprio smartphone – Computermagazine.it

Il valore della community

Come abbiamo già detto, al centro della nuova piattaforma vi è la comunità. Su WeVoz l’utente può dar voce alla propria individualità nel rispetto delle differenze di pensiero e nei limiti della legge. Sono stesso gli sviluppatori del social ad intervenire: “WeVoz è un nuovo modo di essere social, di comunicare e relazionarsi con gli altri in maniere sana senza dover restare incollato ad uno schermo. E’ il primo social che mette la vita dell’utente al centro dell’intero progetto e guarda alla community come obiettivo piuttosto che come strumento”. Dal progetto, naturalmente non è esente del tutto la lettura del testo. Questo servirebbe soprattutto per oltrepassare quei contenuti che non rientrano nei nostri interessi e che quindi non desideriamo ascoltare. I contenuti, inoltre, sono categorizzati attraverso un sistema a semaforo: verde per i contenuti accessibili a tutti, giallo per i contenuti moderatamente delicati, rosso per quelli sensibili. In conclusione potremmo dire che questa piattaforma, sicuramente costituisce una vera e propria innovazione nel campo social ed è un progetto che ben presto inizierà a prendere forma nella nostra società.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here