Space Time Memory, l’NFT di Lamborghini e la sua creazione

0
536

Anche Lamborghini sceglie l’NFT. Si chiama Space Time Memory e sarà venduta all’asta all’inizio di febbraio in una collezione di cinque pezzi.

NFT fisico
NFT Lamborghini, 06/02/2022 – ComputerMagazine.it

Tutti pazzi per gli NFT: è la moda del momento e tutti i brand più noti al mondo hanno deciso di appropriarsene. Le capacità dei non-fungible tokens non sfuggono a nessuno. Molto presto, ne vedremo tantissimi in vendita.

La fonte di guadagno derivante da questo nuovo commercio è, indubbiamente, enorme. Ma si tratta di un mercato che ricorda molto le classiche aste d’opere d’arte. La differenza è che qui le opere sono virtuali e non sono rivolte solo a persone esperte del campo, ma anche a semplici appassionati.

In effetti, a nessuno di noi verrebbe in mente di partecipare ad una vendita all’asta, molto probabilmente. Eppure, se dovessimo immaginare di acquistare un NFT di Quentin Tarantino relativo a del materiale inedito di Pulp Fiction, la cosa diventerebbe più allettante. Questo è proprio il motivo per il quale le aziende investono in questo settore.

Anche le società nostrane hanno fiutato l’affare. Ad esempio, Lamborghini ha selezionato il proprio NFT, in una collezione di cinque pezzi, e lo ha chiamato Space Time Memory.

Come nasce Space Time Memory

Opera di Oefner
Opera Space Time Memory, 06/02/2022 – ComputerMagazine.it

 

Il capolavoro di Lamborghini è stato realizzato dall’artista svizzero Fabian Oefner, il quale ha utilizzato elementi veri e propri delle auto del brand per realizzare dei magnifici ritratti, dando vita ad una collezione di cinque opere.

In pratica, si tratta di una serie di cinque fotografie di una Lamborghini Ultimae che si alza in volo verso le stelle. L’idea è quella di omaggiare l’esplorazione dello spazio da parte dell’uomo. Ciò che è più bello è il fatto che sembra quest’auto possa viaggiare fuori dall’atmosfera, quasi fosse un’astronave.

Partendo, dunque, da elementi reali, Oefner ha creato delle immagini contenenti 1.500 componenti di una vera auto. Per realizzare questa particolare immagine, ha utilizzato un pallone sonda provvisto di macchina fotografica. Questo è stato inviato al limite della stratosfera, così da poter catturare la curvatura terrestre.

Insieme al suo team, ha poi assemblato attentamente tutte le immagini per raffigurare un singolo istante artificiale. Tale creazione ha richiesto più di due mesi di lavoro.

La prima opera digitale è ora in vendita all’asta. È possibile accedervi solo tramite il QR code inciso sulla rispettiva controparte fisica dell’NFT, chiamato Space Key. Quest’oggetto è stato realizzato con elementi in carbonio inviati sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), nell’ambito di un progetto di ricerca congiunto di Lamborghini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here