SmartThings Find arriva a numeri da capogiro: 200 milioni di utenti si aiutano tra loro

0
211

Il servizio di SmartThings Find ha appena raggiunto dei numeri da record che non possono essere assolutamente ignorati. Ma a che cosa serve esatftamente questa applicazione?

SmartThings Find arriva a numeri da capogiro: 200 milioni di utenti si aiutano tra loro
Ci auguriamo che, il software, possa essere utile a tutti voi – Computermagazine.it

SmartThings Find ha appena raggiunto il traguardo dei 200 milioni di nodi. Si tratta di un nuovo servizio integrato nell’applicazione che supporta a localizzare telefoni, tablet, auricolari e pure l’orologio smart ovviamente, con il precido scopo di evitare di perderli o per provare a recuperarli dopo averli smarriti. SmartThings Find, dopo averli individuati, li colloca all’interno di una mappa con informazioni dettagliate, come la posizione in tempo reale ma anche quelle passate qualora servissero.

Quanto detto avviene quando gli utenti si trovano molto vicini alla zona di ricerca, mentre in caso contrario si potrà decidere di chiedere aiuto al network degli utenti Galaxy in caso uno di essi riuscisse a localizzarlo. E riguarda proprio quest’ultima possibilità il traguardo dei 200 milioni di nodi annunciato da Samsung. Infatti, i dispositivi che si sono registrati al servizio SmartThings Find, e che all’occorrenza forniscono aiuto altri utenti Galaxy, possono essere davvero d’aiuto in questo caso.

La dichiarazione di Samsung in merito al prodotto

SmartThings Find arriva a numeri da capogiro: 200 milioni di utenti si aiutano tra loro
Grazie a questo strumento non perderemo mai i nostri dispositivi – Computermagazine.it

Per far sì che possa funzionare correttamente, SmartThings Find combina le tecnologie Bluetooth Low Energy (BLE) e Ultra Wideband (UWB) per localizzare i dispositivi. Ambedue gli strumenti sono utili a corto raggio, mentre quando le prime ricerche vanno a vuoto e bisogna estendere il campo di ricerca, il controllo degli altri utenti Galaxy registrati al network diventa molto utile da utilizzare. Infine, concludiamo parlando della sicurezza dati specificata da Samsung:

“I dati sulla posizione di un dispositivo vengono condivisi con altre persone solo con il permesso dell’utente, e l’ID del dispositivo di ciascun utente cambia ogni 15 minuti e viene archiviato in modo anonimo. Siamo orgogliosi ed entusiasti di vedere quanto è cresciuto rapidamente il servizio SmartThings Find. In meno di due anni, 200 milioni di dispositivi hanno deciso di aiutare altri utenti Samsung Galaxy a trovare i loro dispositivi smarriti, rendendolo uno dei servizi Samsung dalla crescita più rapida – ha dichiarato TM Roh, presidente e capo della divisione mobile di Samsung. Perdere un dispositivo può essere stressante, ma SmartThings Find ne semplifica l’individuazione e il recupero. È solo un esempio del modo in cui un ecosistema connesso di dispositivi possa creare esperienze significative per gli utenti Samsung Galaxy di tutto il mondo“.

🔴 Fonte: www.hdblog.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here