Il Robot delfino pronto per essere utilizzato nei parchi acquatici

0
35

Il Robot delfino è una realtà che presto potrà essere utilizzata nei parchi acquatici per sostituire gli oltre 3mila mammiferi che oggi vivono in cattività.

La coscienza ambientalista matura sempre di più nelle nuove generazioni e l’utilizzo di animali per divertimento è considerata oramai una barbarie. Tra quelli più utilizzati ci sono i delfini, mammiferi particolarmente intelligenti e per questo sofferenti nella vita reclusa nelle piscine dei parchi.

Per questo la società di ingegneria Edge Innovation ha sviluppato un delfino robot, simile in tutto e per tutto a quelli reali, che è in grado di prendere il posto di quelli reali negli spettacoli. La Edge ha sfruttato il suo know how negli “animatronix“, robot animali particolarmente sviluppati.

POTREBBE INTERESSARTI —> Elon Musk lancia la sfida: 1 milione di abitanti su Marte entro il 2050

Il delfino robot sviluppato da Edge Innovation
Il delfino robot sviluppato da Edge Innovation

Il robot delfino sarà dotato di intelligenza artificiale e pelle silconica

Da dove prende spunto questa innovazione? La Edge innovation è una società che ha lavorato per anni con il cinema, creando i modelli robot sia nel film “Free Willy“, in cui un’orca ammaestrata viene messa in libertà, sia in “Deep Blue Sea“, dove invece i protagonisti sono gli squali.

Il delfino robot è stato realizzato ricoprendolo con silicone medico, è lungo quanto un animale normale, circa tre metri, e pesa 250 chilogrammi. Il fondatore della compagnia Walt Conti ha spiegato che la loro scelta nasce dalla convizione che questo robot possa contribuire all’esperienza ludica ed educativa.

Infatti la macchina, ora in versione 2.0, è dotata di intelligenza artificiale sviluppata per fare immersioni poco profonde, riuscire a restare il quota di galleggiamento e sollevare lo sfiatatoio per simulare la respirazione. Anche Roger Holzberg, ex direttore creativo della Disney, ha contribuito alla sua creazione.

Per il prossimo futuro è in fase di sviluppo la versione 3.0, che avrà un’autonomia di 10 ore e sarà capace di fare anche alcune evoluzioni: l’obiettivo è convincere tutti parchi acquatici a liberare gli animali attualmente bloccati nelle piscine.

POTREBBE INTERESSARTI —>Zoom aumenta la sua sicurezza dei meeting con la crittografia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here