Facebook: “La pubblicità ti aiuta”, il social tenta il tutto per tutto per convincere l’utenza

0
95

Facebook: “La pubblicità ti aiuta”. Ecco lo spot figlio di una campagna pubblicitaria che ha lo scopo di convincere gli utenti a consentire l’utilizzo dei dati per scopi di marketing. 

Facebook (Adobe Stock)
Facebook (Adobe Stock)

Il gruppo Facebook, padroneggiato da Mark Zuckerberg, non vuole proprio saperne di gettare la spugna. Dopo la stangata ricevuta da Apple sulla nuova policy relativa al trattamento dei dati degli utenti, il social ha messo in piedi una campagna pubblicitaria per contenere il possibile disastro. “Le buone idee meritano di essere trovate“. Il motto della pubblicità, che si rivolge ai consumatori, con lo scopo di convincerli ad accettare i nuovi termini di servizio. “Gli avvisi pubblicitari sono personalizzati e ti aiutano a trovarle“, si chiude lo spot.

POTREBBE INTERESSARTI –> Facebook “sbraccio” di ferro: l’Australia toglie il blocco sulle pubblicazioni di notizie

Il consenso dell’utente, in questo caso, è un nodo fondamentale su cui si baserà il lavoro di Facebook per i prossimi anni. Dovesse mancare, mancherebbe anche la fonte di guadagno principale del social di Zuckerberg: i dati e le usanze dei suoi utenti/consumatori. L’azienda corre ai ripari, con una campagna pubblicitaria volta ad addolcire la pillola. Spot che fa ampiamente leva sui sentimenti e sul supporto alle piccole realtà aziendali.

Se quanto voluto da Apple dovesse prendere piede, con conseguente diminuzione degli utenti che accettano di condividere i propri dati, Facebook vedrebbe un calo drastico nei suoi ricavi. Un disastro di dimensioni colossali, poiché, lo ricordiamo, il più grande guadagno dell’azienda si basa sulle informazioni che gli utenti decidono di condividere, spontaneamente, con il sito.

POTREBBE INTERESSARTI –> Facebook e l’investimento “monstre” nell’editoria online: cosa ha in mente?

Insieme ad Apple, anche Google starebbe immaginando un futuro in cui l’utente abbia libera scelta di condividere o meno i suoi dati con i suoi servizi di navigazione e sistema operativi mobile Android. Insomma Facebook corre ai ripari e lo fa con lo strumento di cui dispone: la comunicazione. Sarà efficace e riuscirà a convincere gli utenti a mantenere spalancate le porte al social network blu?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here