Oscurare il Sole: ecco il piano B contro il riscaldamento globale

0
499

Diminuire l’impatto del Sole per combattere il riscaldamento globale: ecco come la clamorosa idea dell’Accademia Nazionale delle Scienze USA potrebbe venire applicata.

Sole riscaldamento Globale Schermare il Sole
Schermare il Sole per raffreddare la Terra (pixabay.com)

Un’idea che mette i brividi, ma che la scienza vuole esplorare per avere un’arma in più contro il riscaldamento globale: attenuare la potenza del Sole. Ad esplorare questa ipotesi non è uno scienziato pazzo al lavoro in un laboratorio nascosto, ma i ricercatori dell’autorevole Accademia delle Scienze, dell’Ingegneria e della Medicina degli Stati Uniti (Nasem), che hanno individuato tre possibili procedure di geoingegneria solare per schermare il calore della nostra stella e raffreddare il Pianeta.

Gli sforzi del Nasem rappresenterebbero una sorta di piano B, nel caso non fosse possibile ridurre in tempo utile l’impronta ecologica dell’economia globale. Le dichiarazioni di intenti da parte di stati e attori economici privati per contrastare il cambiamento climatico si stanno moltiplicando ormai da decenni, e si fa a gara a fissare termini entro i quali diminuire le emissioni di CO2 nell’atmosfera. L’impresa è titanica e poggia su dinamiche incerte, da qui l’esigenza secondo il Nasem di studiare strade alternative. Vediamo quali.

Sole e riscaldamento globale, ecco come si pensa di frenare il fenomeno

Sole riscaldamento globale, I tre approcci
I tre approcci individuati dal Nasem (image from nationalacademies.org)

Sono tre i possibili percorsi individuati dal report della massima istituzione scientifica USA. Il primo consiste nell’iniettare microparticelle riflettenti nella stratosfera. La seconda ipotesi riguarda le nuvole sovrastanti mari e oceani (marine clouds), che verrebbero “rischiarate”, sempre tramite l’aggiunta di microparticelle. Nubi più chiare e riflettenti, in pratica, capaci di riverberare parte della luce del Sole fuori dall’atmosfera.

L’ultimo filone di ricerca studia la possibilità di assottigliare i cirri, ossia le nuvole dalla forma filamentosa (il latino cirrus significa ciocca di capelli ricci) che occupano la troposfera e trattengono una larga porzione dei raggi infrarossi emessi dalla Terra, determinando un aumento della temperatura fino a 10 gradi celsius e di conseguenza il fenomeno conosciuto come Effetto Serra.

Sfide e opportunità della geoingegneria

Sole riscaldamento Globale Le nuvole
Le nuvole sarebbero utilizzate per riflettere i raggi solari o liberare calore (pexels.com)

FORSE TI INTERESSA>>>Oumuamua non è una nave aliena: ecco spiegato l’Ufo interstellare

I primi due approcci, dunque, provano a limitare la radiazione solare, il terzo a liberare calore dall’atmosfera e quindi dalla superficie del nostro pianeta. Va notato che tutte e tre le strategie non cambiano le carte in tavola per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico e marino e potrebbero avere effetti collaterali sull’ecologia terrestre. C’è inoltre il pericolo che funzionino talmente bene da rappresentare una scusa per rallentare la corsa verso il carbon neutral.

SCOPRI ANCHE—>Campo magnetico di un buco nero: la prima foto della storia

Una maniera per leggere la svolta con ottimismo è che un organo statale dell’autorevolezza dell’Accademia delle Scienze di Washington avrebbe il dovere di condurre una ricerca trasparente. E infatti, il report indica esplicitamente che lo studio dovrà essere allargato a partner internazionali e promuovere la cooperazione e la condivisione delle conoscenze, anche tramite la creazione di un “registro internazionale sulla ricerca di geoingegneria solare”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here