Incredibili auricolari col meglio della tecnologia ad un prezzo stracciato

0
131

Gli auricolari Nothing Ear costeranno 99 dollari negli Stati Uniti, 99 euro in Europa e 99 sterline nel Regno Uniti. E saranno saranno dotati di cancellazione attiva del rumore (ANC). Lo ha rivelato Carl Pei, ex co-fondatore di OnePlus Global e ora a capo dell’omonima impresa hardware Nothing, in un’intervista a TechCrunch il fondatore dell’azienda Carl Pei.

Nothing Ear, auricolari all'avanguardia (Adobe Stock)
Nothing Ear, auricolari all’avanguardia (Adobe Stock)

Ogni auricolare sarà dotato di tre microfoni per abilitare l’ANC, e verrà rilasciato inizialmente nel Regno Unito, in India, in Europa e in Nord America il 27 luglio.

La cancellazione del rumore nell’orecchio e la vendita online degli auricolari: i punti chiave dei piani della nuova impresa di Carl Pei

Auricolari wireless (Adobe Stock)
Auricolari wireless (Adobe Stock)

Carl Pei sta utilizzando la cancellazione del rumore nell’orecchio per posizionare i suoi auricolari come competitor degli AirPods Pro da 249 dollari di Apple, puntando chiaramente su di un prezzo notevolmente minore, a parità (più o meno) di qualità. Lo stesso Pei ha rivelato di essere in grado di mantenere il prezzo equo perché i suoi auricolari saranno venduti principalmente online, da Flipkart in India e su Amazon nel resto del mondo.

LEGGI ANCHE >>> Devi cambiare lo smartphone? Occhio a queste offerte sotto i €200 ne compri uno fantastico

La cancellazione del rumore è sempre più comune sugli auricolari true wireless di fascia media. Il Soundcore Liberty Air 2 Pro, per esempio, costa 130 dollari, mentre gli Echo Buds di seconda generazione di Amazon, che includono l’ANC (la cancellazione attiva del rumore) partono da 120 euro. Qualche eccezione comunque alla linea comune dell’ANC, c’è visto che la serie dei Pixel Buds recentemente rilasciati da Google, seguono altre caratteristiche. Tant’è.

LEGGI ANCHE >>> Proteggiti e mantieni sicura la tua privacy sul tuo dispositivo con questi ottimi consigli

Il fondatore di Nothing ha anche sfruttato l’intervista di TechCrunch per chiarire il motivo per cui l’azienda ha deciso di acquisire il marchio Essential.Prima che ci chiamassero Nothing, Essential era uno dei nomi a cui stavamo facendo brainstorming, internamente. Ecco perché abbiamo acquisito il marchio. Non abbiamo in programma di fare nulla con Essential”. Il produttore di smartphone, avviato dal creatore di Android Andy Rubin dopo aver lasciato Google, ha chiuso lì la sua esperienza a inizio 2020 dopo aver lanciato sul mercato un solo smartphone.

Gli auricolari wireless Nothing Ear saranno il primo prodotto TWS lanciato dalla nuova startup, con un design innovativo. Il loro rilascio era previsto per giugno, ma alcuni inconvenienti tecnici ne hanno ritardato il debutto: sempre a TechCrunch, Pei ha rivelato che questo ritardo non aveva nulla a che fare con i problemi di fornitura, ma con il design trasparente. “Realizzare un prodotto trasparente di alta qualità è estremamente difficile in quanto si è dovuto considerare alcuni parametri, magneti e tipo di colla, che non avrebbero avuto importanza se il prodotto fosse stato opaco”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here