Nuove PS5 presentano un piccolo problema, ma da prendere seriamente in considerazione

0
245

La nuova PlayStaion 5 divide la critica. C’è chi vede un problema dietro la nuova console, recentemente distribuita da Sony: una versione rivista (sia su disco che su edizione digitale), 300 grammi più leggera del modello di lancio. E chi ne difende le scelte della multinazionale conglomerata giapponese, fondata nel 1946 con sede a Minato, un quartiere di Tokyo.

PS5, la quinta console da tavolo per videogiochi prodotta da Sony Interactive Entertainment (Adobe Stock)
PS5, la quinta console da tavolo per videogiochi prodotta da Sony Interactive Entertainment (Adobe Stock)

Lo YouTuber tecnico Austin Evans ha messo le mani sull’edizione digitale aggiornata di PS5 (CFI-1100B 01), smontandola da cima a fondo ha scoperto la novità: un dissipatore di calore più piccolo e una nuova ventola rivista è prodotta da Delta Electronics con 17 pale più lunghe, otto in meno di quella originale. Rispetto a questa, inoltre, cambia anche il peso: la versione rivisitata è di 1368 grammi, contro i 1639 della primordiale PS5. Secondo i test termici effettuati da Evans, la nuova PS5 di surriscalda di più: da 5,4°F a 9°F.

PS5, i cambiamenti della nuova versione: dal dissipatore a un nuovo componente Wi-Fi, passando per una vite

PS5, annunciata quasi due anni fa, il 7 gennaio 2020 al CES di Las Vegas (Adobe Stock)
PS5, annunciata quasi due anni fa, il 7 gennaio 2020 al CES di Las Vegas (Adobe Stock)

“Temperature di scarico più elevate? Potrebbe significare che il dispositivo di raffreddamento sta facendo un lavoro migliore dissipando il calore – scrive lo YouTuber sulla propria pagina, che vanta più di cinque milioni di iscritti, in risposta ad alcuni commenti – il problema è che Sony ha rimosso una quantità consigliata del dissipatore di calore su questo nuovo modello, con meno alette e tubi di calore più piccoli, ma semplicemente questa PS5 non è così efficiente nello spostare il calore fuori dalla console”. Evans usa un paragone per alimentare la sua teoria: “Pensalo come se fosse un PC – continua – se rimuovo un grande dissipatore di calore della CPU in favore di uno più piccolo, lo scarico che esce dal mio sistema sarebbe più caldo, in quanto le temperature complessive del sistema sono più alte e un dispositivo di raffreddamento più debole non può farcela. Questo è esattamente quello che sta succedendo per la PS5”.

LEGGI ANCHE >>> PS5 nuove disponibilità da Mediaworld: ecco quando e dove poterla acquistare

Così Austin Evans risponde a chi lo accusa di fornire informazioni imparziali e inconcludenti, soprattutto dopo l’uso del termine “scadente” (riferito alla nuova PS5), che ha mandato su tutte le furie molti appassionati di gaming e critici del settore. A prescindere da chi ha ragione e chi ha torto, Evans non ha soltanto prodotto un vespaio di polemiche sui social: anche gli analisti di Digital Foundry si sono attivati nel chiedere delle delucidazioni a Sony, riguardo le modifiche ingegneristiche apportate alla nuova revisione hardware di PlayStation 5.

LEGGI ANCHE >>> Skyrim Anniversary Edition è in arrivo su PS5 e Xbox Series X per farci rivivere con grafice next-gen le terre innevate

Grazie alla smontaggio della nuova versione della PS5, comunque, Austin Evans ha scoperto altre differenze con la PlayStation originale: un nuovo componente Wi-Fi e una vite diversa per fissare la console alla base. Insomma, c’è più di un cambiamento nella nuova versione della quinta console da tavolo per videogiochi prodotta da Sony Interactive Entertainment, annunciata quasi due anni fa, il 7 gennaio 2020 al CES di Las Vegas. A chi piace. E a chi no.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here