Dallo spazio le foto del vulcano a La Palma che erutta: una meraviglia della natura

0
344

Lo spettacolo è tutt’ora in corso nelle Isole Canarie: per fortuna non si registrano sono danni a persone, ma la paura è stata tanta.

Eruzione
Spettacolare eruzione vulcanica a La Palma (Getty Images)

Domenica 19 settembre nell’arcipelago delle isole Canarie ha avuto inizio una spettacolare eruzione vulcanica. Fortunatamente non si sono registrati danni alle persone, ma solo tanto spavento. Circa 5.000 abitanti del luogo sono stati evacuati: insieme a loro ci sono anche tantissimi turisti che ogni anno prendono d’assalto la località balneare, una delle mete vacanziere più frequentate ed ambite d’ Europa.

L’eruzione ha avuto luogo nel comune di El Paso in località La Palma, ed è stata causata, in maniera del tutto inaspettata, dal risveglio della Montaña Rajada, che non è più attiva dal 1971 ma adesso evidentemente ha scelto di tornare a farsi sentire. Il cratere fa parte di una catena denominata Cumbre Vieja, e a causa delle scosse di terremoto avvertite la popolazione ha vissuto attimi di puro terrore. Per fortuna però sono stati registrati danni solo ad edifici, così possiamo parlare in maniera tranquilla di quello che sta facendo discutere di sé come uno dei più godibili spettacoli naturali degli ultimi tempi.

L’eruzione vulcanica è un meraviglioso spettacolo naturale : la popolazione tira un sospiro di sollievo

Isole Canarie
Le Isole Canarie (Getty Images)

La lava del vulcano subito dopo l’eruzione è fuoriuscita da due fenditure ed ha raggiunto in men che non si dica la temperatura di 1.000 gradi celsius. Gli zampilli sono stati lanciati ad un’altezza di quasi un chilometro e mezzo. Se, come abbiamo detto, i numerosissimi abitanti coinvolti possono tirare un sospiro di sollievo, l’evento però preoccupa e non poco i sismologi.

FORSE TI INTERESSA ANCHE>>>> Devastante terremoto nelle Filippine, ma gli smartphone Android hanno lanciato l’allarme prima del disastro

L’attività è in corso ancora in questi giorni, e si stima che nei prossimi tre mesi verranno prodotte quotidianamente dalle 8.000 alle oltre 10.000 tonnellate di anidride solforosa. Insomma, un disastro ambientale che viaggia in maniera direttamente proporzionale con la bellezza delle fotografie che stanno fioccando in queste ore. L’ingegnere ed astronauta francese Thomas Pesquet, attualmente nello spazio, è riuscito a scattare alcune foto grazie alle quali si può godere in pieno di uno panorama mozzafiato.

LEGGI ANCHE QUI>>>> Finalmente in Italia il Nokia G50, il low-cost da record con batteria 5G

Dalla Stazione Spaziale Internazionale difatti Pesquet ha colto immediatamente i primi fulgori, riuscendo ad immortalare l’effetto luminoso dato dalla nube di anidride solforosa ed il caratteristico arancione dell’eruzione. L’evento inoltre è stato ripreso anche dal satellite di Maxar Technologies, che è riuscito a monitorare l’intera area. Purtroppo dalle indicazioni che arrivano la nube partita dalle isole Canarie sembra diffondersi a macchia d’olio sul Marocco, sull’Algeria e un po’ in tutto il resto del bacino mediterraneo. Si stima che a breve arriverà nel resto d’Europa, con possibili gravi ripercussioni sul traffico aereo. Intanto però ci godiamo in pieno spettacolo pirotecnico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here