Instagram rinuncia al progetto “Kids”: per ora i nostri bambini non rischieranno coercizioni da Social

0
164

Niente più Instagram Kids nel futuro del social network. Almeno per ora. Il progetto dedicato ai minori di 13 anni è per ora accantonato, come annunciato dallo stesso Adam Mosseri. 

Instagram rinuncia al progetto "Kids"
Instagram rinuncia al progetto “Kids”

A condividere la notizia il CEO di Instagram Adam Mosseri. L’alto dirigente della compagnia fa sapere che, almeno per ora, non ci sarà alcun Instagram Kids. Il progetto, svelato qualche mese fa e che ha inizialmente scatenato il panico tra i suoi user, è ad oggi accantonato in favore di più tempo per lavorare con i genitori, esperti e non solo sul tema di Internet legato ai più piccoli.

POTREBBE INTERESSARTI –> Portal Go di Facebook potrebbe essere la svolta che cercavi: da casa, da ufficio ed in giro con te

Adam Mosseri ci mette la faccia: “Mettiamo in pausa Instagram Kids”

Instagram rinuncia al progetto "Kids"
Instagram rinuncia al progetto “Kids”

Il capo di Instagram Adam Mosseri ha tenuto a scendere in campo per giustificare il rinvio del progetto, come si legge dal blog ufficiale del social network. “Pur sostenendo la necessità di sviluppare questa esperienza – scrive Mosseri – abbiamo deciso di mettere in pausa questo progetto. Questo ci darà il tempo di lavorare con genitori, esperti, responsabili politici e autorità di regolamentazione, per ascoltare le loro preoccupazioni e dimostrare il valore e l’importanza di questo progetto online per i giovani adolescenti di oggi“.

Un social, Instagram, spesso al centro di polemiche legate ai suoi contenuti e all’uso e consumo dei più piccoli. Il Vice President nonché capo della ricerca di Facebook Pratiti Raychoudhury è intervenuto sulla questione sollevata dal Wall Street Journal, secondo cui la piattaforma sarebbe un ambiente tossico per i giovani, con particolare attenzione alle ragazze adolescenti e pre-adolescenti.

POTREBBE INTERESSARTI –> Così la tua Smart Tv ti profila di nascosto: allarme violazione GDPR

Raychoudhury ha precisato che, “contrariamente alla caratterizzazione del Wall Street Journalsi legge in un post su Facebookla ricerca di Instagram mostra che su 11 dei 12 problemi di benessere, le ragazze adolescenti che hanno affermato di aver lottato con quei problemi difficili hanno anche affermato che Instagram le ha rese migliori anziché peggiori. Facciamo ricerche interne per scoprire come possiamo migliorare al meglio l’esperienza per gli adolescenti e la nostra ricerca ha informato di cambiamenti del prodotto e nuove risorse“. Una presa di posizione che difende a spada tratta l’operato del social network, sempre pronto a risolvere i propri problemi con aggiornamenti di ogni tipo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here