NASA | Perseverance cattura in video Ingenuity durante la nuova missione – VIDEO

0
195

Scambio di comunicazione fra il rover della Nasa, Perseverance, e la sonda dell’agenzia spaziale degli Stati Uniti, Ingenuity. Entrambe si trovano al momento sul pianeta Marte in esplorazione, e le due missioni si sono di fatto incrociate nelle ultime ore.

Perseverance, il rover sul Pianeta Rosso – Computermagazine.it

Come da video che trovate pubblicato anche in questa pagina, filmato ufficiale Nasa, il rover americano ha catturato il volo di Ingenuity, cosa che non accadeva da tempo. Il filmato è alquanto curioso in quanto ci permette di vedere in azione praticamente “dal vivo” come si comporta l’elicottero, e quindi analizzare, oltre ai suoi dati telemetrici, anche le sue varie fasi di decollo, atterraggio e volo sopra il pianeta marziano.

NASA PERSEVERANCE FILMA INGENUITY DURANTE LE FASI DI VOLO: IL VIDEO

POTREBBE INTERESSARTILa passata di pomodoro spaziale: prodotta con i pomodori di Marte

Nella giornata di oggi si dovrebbe tenere quello che sarà il sedicesimo passaggio sul pianeta rosso da parte del drone, ma il video catturato da Persevarance fa riferimento al tredicesimo volo di Ingenuity, quello che precisamente è avvenuto all’inizio dello scorso mese di settembre, prima che si verificasse la congiunzione solare che ha bloccato in parte lo scambio di comunicazione fra la Terra e Marte. Come mai il video è stato mostrato solamente in questi giorni? Semplicemente perchè, per scaricare le informazioni, viste le distanze enormi fra i due pianeti, ci vuole del tempo, e lo stesso serve per elaborare i dati, di conseguenza, sono passati circa 60 giorni dall’evento.

POTREBBE INTERESSARTI il fascio di luce che esce dall’Etna è la foto scelta dalla NASA: celebrato il fotografo italiano per il suo scatto

Il tredicesimo volo di Ingenuity, fanno sapere gli ingegneri dell’agenzia spaziale degli Stati Uniti, è stato particolare complicato: ha percorso 210 metri a una quota di 8 metri dal suolo, e con una velocità di 3,3 m/s. Il problema è che per orientarsi il drone utilizza le immagini che vengono catturate dalla NavCam, ma si presuppone che il terreno al di sotto dello stesso velivolo sia pianeggiante, quindi, senza troppe formazioni rocciose. Nella zona in cui è avvenuto il tredicesimo volo, però, queste condizioni sono state disattese (siamo a Seitah), visto che vi sono varie creste rocciose abbastanza alte, e non un terreno pianeggiante, e ciò ha provocato un mezzo disorientamento nel velivolo stesso. Tornando al video in questione, per realizzarlo sono state utilizzate due diverse fotocamere di Perseverance, e i due velivoli si trovavano ad una distanza di circa 300 metri. Immagini che sono senza dubbio affascinanti, soprattutto se si pensa che ci giungono da migliaia di chilometri di distanza da dove ci troviamo noi: un paesaggio straordinario, un evento memorabile, che soltanto fino a pochi anni fa sarebbe stato classificato come fantascienza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here