Questa App che ti salva dagli Autovelox sta già facendo infuriare lo Stato per quanto funziona bene

0
411

C’è chi la chiama la “app della discordia”. E non stupisce, dal momento che riguarda il tanto odiato autovelox che molte persone maledicono ogniqualvolta si mettono in macchina per fare un viaggio.

Speedcam 20220423 cmag
Speedcam – Adobe Stock

Già perché questi “aggeggi” che si nascondono in bella vista sulle strade sono insidiosi, mandano multe anche in caso di superamento del limite di velocità di appena pochi kilometri, e figuriamoci quindi se anche i telefonini, di perfetti sconosciuti, possono ora trasformarsi in autovelox e raccogliere i dati sensibili nostri e della nostra autovettura.

E’ quanto sta accadendo in Regno Unito, dove è stata sviluppata e rilasciata una app, chiamata Speedcam Everywhere e disponibile per Android su PlayStore di Google, che di fatto fa diventare un cellulare un autovelox in grado di rilevare non pochi dati rispetto alle automobili che passano.

Speedcam Everywhere, violazione della privacy?

Autovelox 202204223 cmag 2
Autovelox – Adobe Stock

Ovviamente alla base della polemica, inasprita dalla pubblicazione di un articolo sul The Guardian a proposito dell’applicazione, c’è una presunta violazione della privacy del guidatori. Ma vediamo innanzitutto come funziona l’app, per capire come mai ci sia tutto questo disappunto nei confronti del nuovo prodotto.

LEGGI ANCHE >>> Google Nearby Share, ecco la novità che lo renderà quasi indispensabile per i dispositivi Android

Per far funzionare Speedcam Everywhere, bisogna innanzitutto realizzare un piccolo video dell’automobile che sta passando sulla nostra strada. A quel punto, immesso il video nell’app, l’intelligenza artificiale fa il resto. Registra tutti i dati possibili, come la velocità con uno scarto del 10% in caso di versione basic e di 2 miglia per la versione Pro (circa 3 km), e viene a quel punto generato un report in cui si possono sapere dati come l’orario, i dati della vettura, il punto esatto dove si trovava grazie alla localizzazione GPS, ed anche il limite di velocità stabilito per la porzione di strada dove viene localizzata la macchina.

LEGGI ANCHE >>> Google Maps messo KO da Waze? Chi la spunta?

Ovviamente, subito si è gridato alla violazione della privacy, e si è anche parlato di problematiche legate alla sicurezza stradale e alle problematiche ambientali. E se c’è chi però ha accolto con favore questa nuova applicazione, per la sensibilità mostrata verso chi supera i limiti di velocità rendendo le strade poco sicure, c’è anche chi ha storto il naso.

Al momento questa applicazione è disponibile solamente nel Regno Unito, e la bella notizia per i detrattori di Speedcam Everywhere è che per fortuna questa app non può fornire alcun dato alla Polizia in quanto non è riconosciuta ufficialmente dalle autorità, di conseguenza i suoi rilevamenti non possono essere utilizzati per contestare multe di alcun tipo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here