Chrome, due estensioni presentano un virus e vanno eliminate: quali sono

0
320

Due estensioni di Google Chrome presentano dei virus che possono danneggiare il dispositivo: quali sono e come provi rimedio.

Con il passare degli anni, paradossalmente, di pari passo con il miglioramento delle tecnologie in rete sono aumentate anche le minacce. Queste ultime sono diventate via via sempre più difficili da scovare. Alcuni virus, secondo quanto giunge dai colleghi di Reddit, si sono insediati anche nelle estensioni di Chrome. Si tratta, precisamente, di due ad blocker che andrebbero immediatamente rimossi.

Le estensioni sono nanodefender e nanoadblock, i quali hanno lo scopo di bloccare pubblicità e banner non graditi dagli utenti e presenti sui siti web che si visitano. Negli ultimi giorni, però, si sarebbe registrata un’attività strana da parte dei sue programmi che farebbero da veicolo per le informazioni private degli utenti, le quali verrebbero inviate a sviluppatori esterni al creatore.

Il tutto sarebbe partito dalla vendita delle due estensioni di quest’ultimo ad un gruppo di sviluppatori turchi. Nonostante pare non vi sia nulla di strano in questo, c’è da sapere che ora i dati degli utenti finiscono su server non noti ai più.

LEGGI ANCHE—> LG Innotek, arriva la soluzione per realizzare TV ultra sottili: la novità

Chrome, come liberarsi delle estensioni con i malware

Google in guerra contro l'Antitrust

Secondo quanto riferito dallo stesso sviluppatore originale, il modo per liberarsi del problema è quello di rimuovere le estensioni. Intanto, dal suo canto, ha provveduto a segnalare gli add-on del browser come malware per permettere il procedimento di rimozione automatica. In questi casi è Chrome che provvedere all’eliminazione diretta per evitare che possa rimanere installata involontariamente da parte degli utenti disattenti o all’oscuro di tutto.

Il problema di sicurezza, comunque, non riguarderebbe le versioni degli add-on per l’estensioni rilasciate per il browser Mozilla Firefox visto che sono state sviluppate da un’altra persona estranea alla questione di cui sopra.

LEGGI ANCHE—> Nokia pronta a sbarcare sulla luna con una rete 4G

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here