Sbarco sulla luna, tocca al Regno Unito. Con il ragno Asagumo

0
48

Al chiaror di luna. Dopo i cinesi, ecco la prima volta del Regno Unito, pronto a sbarcare su quel satellite naturale, l’unico della Terra che tanto affascina, con un ragno. Oddio, non un ragno vero e proprio, ma con un rover che tanto gli somiglia.

Rover lunare (AdobeStock)
Rover lunare (AdobeStock)

La missione sarà lanciata fra luglio e settembre 2021, a bordo del lander lunare Peregrine dell’Astrobotic, una compagnia privata americana con sede a Pittsburgh, in Pennsylvania. Compagnia specializzata nel settore della robotica spaziale, fondata nel 2007 da Carnegie Mellon e Red Whittaker, con l’obiettivo di vincere il Google Lunar X Prize.

Un ragno sulla luna: my name is Asagumo

Luna (AdobeStock)
Luna (AdobeStock)

Quel veicolo a quattro ruote a propulsione elettrica dalla forma di un ragno meccanico, ha un nome: Asagumo. È stato costruito utilizzando un CubeSat, un tipo di satellite miniaturizzato avente forma cubica, volume di 1 dm³ e massa non superiore a 1,33 kg, alimentato a energia solare.

LEGGI ANCHE >>> PS5 e Xbox Series X, una confezione ad hoc… by Ikea

La struttura a forma di ragno ha un perché: “camminare” a quattro gambe permette di esplorare senza problemi anche i terreni più accidentati, limitando al massimo la possibilità di qualche guasto improvviso, osservando ancora meglio i tubi di lava lunari e marziani, quelli che Pavlo Tanasyuk (CEO di Spacebit) definisce talmente enormi da ospitare facilmente una base.

LEGGI ANCHE >>> Il 2021 sarà l’anno in cui l’intelligenza artificiale verrà applicata in diversi ambiti

Il Ragno Asagumo si sposterà di 10 metri dal lander e trasmetterà video Full HD e dati lidar 3D sulla Terra dai suoi sensori di bordo.

Il 2021 sarà a tutti gli effetti il primo anno della nuova era di esplorazione lunare. Nel secondo trimestre è previsto lo sbarco di CAPSTONE della NASA. Dopo Asagumo, a ottobre, tocca a Luna25 di Roscosmos e Nova-C di Intuitive Machine. Per fine 2021 sono in programma le missioni lunari di Chandrayaan-3 (INSRO, India) e Artemis 1 ancora della NASA.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here