Diritti tv, assemblea di Lega: (altra) fumata grigia

0
132

Questo matrimonio non s’ha da fare. Almeno per il momento. La Lega ancora non sa a chi attribuire i diritti tv di Serie A per il triennio 2021-24.

Serie A TIM (Adobe Stock)
Serie A TIM (Adobe Stock)

E’ questa l’estrema sintesi dopo l’ultima assemblea odierna, con tanto di comunicato ufficiale. “L’Assemblea della Lega Serie A si è svolta oggi in video collegamento con la partecipazione di tutte le Associate. I club, all’unanimità, hanno conferito mandato all’Amministratore Delegato per avviare una fase di trattative private per i diritti audiovisivi nell’area Medio Oriente e Nord Africa”.

Diritti tv, la situazione (di stallo). Chiuse le trattative private

Fumata grigia sui Diritti Tv della Lega Serie A (Adobe Stock)
Fumata grigia sui Diritti Tv della Lega Serie A (Adobe Stock)

Per quanto riguarda i diritti audiovisivi internazionali per tutti gli altri territori – continua la nota ufficiale – sono state chiuse le trattative private per invitare gli operatori a formulare le loro offerte migliorative”.

LEGGI ANCHE >>> Sanremo 2021 terza serata: ospiti, cantanti, diretta tv streaming digitale terrestre

Ecco la fumata grigia: “I diritti audiovisivi per il territorio italiano per il triennio 2021-2024 e l’operazione con il consorzio CVC – Advent – FSI, temi trattati durante la riunione come previsto dall’ordine del giorno, saranno invece approfonditi – conclude la nota – in una nuova Assemblea, prevista per la prossima settimana“.

LEGGI ANCHE >>> ASUS ROG Phone 5: RAM esagerata per il prossimo flagship taiwanese

La situazione ormai si conosce da tempo. SKY ha fatto le sue mosse, con tanto di lettere suscitanti dubbi sull’offerta di DAZN. Quella sua comunque è da mezzo miliardo, subito, entro pochissime ore dall’aggiudicazione dell’offerta. In più il 50% della stagione 2021/2022.

In un momento in cui l’emergenza sanitaria non ha certo riempito le casse dei club, sempre più in crisi, svuotando gli stadi, allontanato gli sponsor e ridotto il mercato e il valore dei calciatori, l’offerta di Sky per i diritti tv di Serie A sembra un’enorme boccata d’ossigeno. Ma c’è DAZN.

DAZN, da canto suo, mette sul piatto dei diritti tv della Serie A 840 milioni di euro a stagione, puntando sulla partnership con TIM. Che si è impegnata al pagamento di un minimo annuale garantito pari a oltre il 40% dell’importo totale annuo dovuto alla Serie A.

In altre parole, TIM porterebbe circa 340 degli 840 milioni a stagione di DAZN. Entrambe le offerte sono appetibili, ma a questo punto la domanda sorge spontanea: perché la Lega di Serie A non ha ancora deciso a chi assegnare i diritti tv di Serie A per il prossimo triennio?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here