Stanchezza da Zoom, ovvero quando lo smartworking genera ansia: in questa equazione però, c’entra la webcam

0
85

Durante la pandemia si è diffusa la tendenza a lavorare da casa, inizialmente per necessità, poi con la convinzione che lo smart working rendesse più produttivi e motivati i dipendenti. Ma un recente studio sull’argomento ha mostrato un’altra faccia della medaglia…

Videoconferenza Zoom (Adobe Stock)
Videoconferenza Zoom (Adobe Stock)

Dallo studio condotto dalla professoressa Allison Gabriel dell’Università dell’Arizona, infatti, è emersa una forte correlazione tra lo stress e la produttività e l’obbligo dei dipendenti di partecipare a videoconferenze (in Zoom principalmente) con la videocamera accesa. La chiamano stanchezza da Zoom, ed è reale.

Stanchezza da Zoom, tenere la fotocamera spenta potrebbe essere una soluzione

Zoom (Adobe Stock)
Zoom (Adobe Stock)

Lo studio è stato condotto mediante l’analisi di un campione di 103 dipendenti dell’azienda americana BroadPath,  che si occupa di soluzioni per l’assistenza sanitaria. L’osservazione mantenuta per 4 settimane ha avuto un risultato incredibile, che va contro la convinzione secondo cui lavorare collegati in video tramite webcam rende le persone più attive e produttive.

Secondo i risultati della ricerca, stare davanti a una telecamera rischia di stressare di più, soprattutto quando si tratta di donne e neo assunti. Per quanto riguarda le donne, il problema sembra essere la gestione del menage familiare e la paura di veder apparire in video, improvvisamente, i figli urlanti.

Per quanto riguarda invece i neo assunti, sembra che per cercare di fare bella impressione sul capo e sugli altri colleghi, si tenda a a cercare di fare bella figura a detrimento della reale produttività. Insomma, la telecamera mette in imbarazzo un po’ tutti, andando a minare la qualità del lavoro svolto.

Bocciato dunque l’obbligo di lavorare da casa con una telecamera puntata addosso, poterla tenere spenta secondo lo studio (che è stato pubblicato sulla rivista di Applied Psychology) aiuterebbe i dipendenti a essere più concentrate sull’attività lavorativa e renderebbe più semplice gli interventi in video conferenza.

LEGGI ANCHE >>> Selfie marziani: cresce la competizione tra i rover sul Pianeta Rosso, ecco l’ultimo di Zhurong

«Si è sempre creduto che se hai la videocamera accesa durante le riunioni sarai più partecipe. Ma c’è anche molta pressione sull’auto-presentazione associata all’essere davanti alla cam – ha spiegato la professoressa Allison Gabriel – Quando le persone avevano le videocamere accese o gli veniva detto di tenerle accese, riportavano più affaticamento rispetto a chi non la usava. E quella fatica era correlata a meno voce e un minor coinvolgimento nelle riunioni».

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp cambia grafica con le razioni ai messaggi: ecco l’ultima evoluzione dell’app di IM

Quindi bando alle videoconferenze in video aperto per chi prova vergogna a mostrarsi e via alla possibilità di partecipare solamente in voce, in modo tale da permettere anche ai dipendenti più timidi di essere produttivi e allo stesso tempo di essere partecipativi nelle riunioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here